Dieta chetogenica proteica = dimagrimento grazie alla chetosi

Dieta chetogenica proteica = dimagrimento grazie alla chetosi

Per risolvere i vostri problemi di sovrappeso arriva un metodo di riduzione chiaro, sicuro e provato, elaborato dal Prof. George Blackburn dell’Università Medica di Harvard (U.S.A.) nel 1973, che si chiama DIETA PROTEICA CHETOGENICA NEWDIET®.

La dieta prevede tre fasi successive, ciascuna delle quali dovrebbe durare il doppio tempo della fase precedente.

1 FASE

  • fase 3 + 1 = (la fase più efficace, 1 pasto vero, dalla lista di base, ricco di proteine, più 3 pasti NEWDIET® + verdura dalla lista di base).
  • Velocità abituale del dimagrimento nelle persone in buona salute: 4-5 kg al mese

Consiste nella sostituzione completa dei tre pasti normali giornalieri con gli alimenti proteici istantanei NEWDIET®; nello stesso tempo bisogna almeno mantenere un rapporto uguale tra i sapori dolci e salati. Gli alimenti proteici vanno abbinati obbligatoriamente alle verdure indicate nella lista.

Tutti gli alimenti dolci (con l’eccezione dei prodotti dolci proteici istantanei NEWDIET®) sono rigorosamente proibiti (inclusi tutti i tipi di frutta e verdura che non sono indicate nella lista).

Per l’induzione dello stato di chetosi* bisogna fornire all‘organismo le proteine istantanee in quantità sufficiente e in qualità necessaria.

La prima fase dura di solito  da 10 a 30 giorni e vi assicura un rapido calo di chili in eccesso. La riduzione del peso va soprattutto a scapito di massa grassa (può essere realmente dimostrato pesandosi sulla bilancia impedenziometrica).

* chetosi = accumulazione di sostanze del tutto naturali, cosiddetti corpi chetonici, (aceto acetato, Beta idrossi butirrato, acetone) nell’organismo (sangue,urina,alito). Non si tratta di un fenomeno patologico, però di uno stato fisiologico che accompagna per esempio il digiuno. Questo stato di chetosi non va confuso con la chetoacidosi(=stato metabolico patologico, di solito tipico di pazienti con diabete decompensato)

 

2 FASE

  • ritorno graduale ai carboidrati
  • fase 2 + 2 =cioè 2 pasti veri dalla lista, più precisamente dalla lista allargata/dalla seconda metà della fase 2/ di cui un pasto può essere consumato con il contorno/patate, riso, fetta di pane integrale, ecc./ + 2 pasti proteici NEWDIET® + verdura dalla lista allargata/ dalla seconda metà della fase 2
  • Velocità abituale del dimagrimento nelle persone in buona salute: 2-3 kg al mese

Questa fase segue obbligatoriamente dopo la prima fase e dura un tempo doppio rispetto a quanto è durata la fase 1. Il suo scopo è quello di contintuare a mantenere un’apporto di grassi molto limitato ed di abituare a poco a poco il cliente al ritorno graduale dei carboidrati complessi (cioè non sotto forma di zucchero raffinato, però sotto forma di alimenti che contengono i carboidrati, in particolare i cosiddetti „amidi“: patate, riso, legumi, verdure dolci, frutta). Può durare anche per parecchie settimane.

Sono già permessi 2 pasti „veri“ ricchi di proteine e poveri di grassi. I contorni e gli alimenti che contengono i carboidrati vanno introdotti nel regime alimentare molto attentamente e gradualmente (ad esempio 2 pezzi di patate piuttosto piccole insieme ad uno dei due pasti principali oppure una fetta di pane integrale oppure una piccola porzione di riso).

Nella seconda metà della fase 2 del programma si può introdurre anche un pezzo piuttosto piccolo di frutta oppure 1 yogurt magro per la merenda del pomeriggio.

In questa fase può essere sostituito anche un pasto proteico dolce NEWDIET® con la baretta proteica NEWDIET®.

In questa fase cominciamo anche ad introdurre nel programma settimanale un’attività aerobica regolare (almeno 2 volte alla settimana).

 

3 FASE

  • (alimentazione bilanciata ai principi nutrizionali nuovamente imparati)
  • fase 1 + 3 = cioè 1 pasto proteico e 3 pasti veri + tutti i tipi di verdura + frutta

Il cliente vive praticamente in modo sano, equilibrato.

Non mangia in eccesso, mangia regolarmente 3 – 4 volte al giorno, non mangia prima di andare a dormire, ha smesso di consumare definitivamente le sostanze che non portano all’organismo alcun beneficio (grassi saturi, zucchero raffinato, superalcolici). Preferisce i prodotti alimentari di qualità bio, così come il pane integrale, non fuma, l’alcol di qualità lo consuma molto moderatamente e per principio insieme al cibo.

Cerca di distruggere al minimo gli alimenti con la cottura. Prima di mettersi qualunque cosa in bocca, si domanda:  C’è qualcosa di positivo per il mio organismo?

Questo stile di vita gli deve essere piacevole ed il cliente si deve sentire a suo agio.

Nella fase 3 del programma le proteine istantanee vanno consumate solo in quantità 1-2 pasti proteici al giorno (incluse le barrette), di solito si tratta della prima colazione proteica, eventualmente della merenda del pomeriggio.

Se necessario, si può dolcificare moderatamente con il miele oppure con lo zucchero di canna.